Come voce del silenzio, il colore mi attrae.
Amo l’arte, la pittura. Ne sono attratta da sempre.

Ho cominciato il mio percorso, appassionandomi all’illustrazione per l’infanzia, ambito di apparente libertà espressiva. Il disegno, la composizione e il colore tutto si regola per comunicare, per raccontare, senza dire troppo, lasciando ampio spazio all’immaginazione. Dalla fine degli anni ’90, dopo aver partecipato ad alcuni corsi di illustrazione e di acquerello, ho sentito la necessità di acquisire altre tecniche e di sperimentare nuovi linguaggi. Così ho frequentato numerosi corsi, seminari, scuole di pittura per poter ampliare le possibilità espressive.
Questo percorso mi ha portato a lavorare su più livelli, dandomi la possibilità di dipingere ciò che sento e non ciò che vedo, almeno non direttamente. Qualche anno fa è maturata la necessità di confrontarmi, di espormi, di essere in un “Tempo nuovo” come il titolo della prima personale del 2011, dove le varie tecniche acquisite  sono diventate strumenti per raccontare emozioni, esperienze, senza necessariamente rappresentare un soggetto. Da allora continuo la mia ricerca , il mio lavoro, spesso notturno, organizzandomi tra famiglia, lavoro e studio.